Francesco Turco


Lascia un commento

Video di Greenpeace Italia su Enel e carbone

Uno al giornoGenerare elettricità bruciando carbone è probabilmente la modalità più dannosa per l’ambiente e per la salute delle persone. Le centrali a carbone emettono infatti enormi quantità di diossido di carbonio e contribuiscono pertanto al cambiamento climatico in misura molto rilevante. La salute pubblica, invece, è compromessa dall’emissione di polveri sottili, diossido di zolfo, ossidi di azoto, mercurio e altri inquinanti, che causano vari tipi di malattie. Nel nostro paese, fa sapere Greenpeace Italia, il 72% dell’elettricità prodotta dal carbone è da attribuirsi ad Enel. Con questo video l’associazione ambientalista denuncia i danni causati dal carbone impiegato dall’azienda per la produzione di energia elettrica. L’obiettivo è fermare la costruzione di nuove centrali a carbone da parte di Enel, che dovrebbe invece investire maggiormente nello sviluppo delle fonti di energia rinnovabile quali il solare e l’eolico.